CHI SIAMO
NET DALLA PARTE DEGLI ANIMALI
English version
Cerca:
Contatti e sedi
Progetti transnazionali
 
 
Stampa pagina Stampa pagina
Richiesta Informazioni
 
 
 
 

Il consumo di energia negli edifici rappresenta circa il 40% del consumo totale di energia dell'Unione europea. Tra tutti i settori economici, il settore edile ha il consumo di energia più intensivo (42,5% del consumo totale di energia). Produce il 23% dei gas ad effetto serra. Attraverso la "Direttiva sull’efficienza energetica " l'UE punta a un taglio del 20% nel consumo di energia primaria annuo in Europa entro il 2020. La Commissione ha proposto diverse misure per aumentare l'efficienza in tutte le fasi della catena energetica: produzione, trasformazione, distribuzione e consumo finale . Le misure si concentrano sul settore dell'edilizia, dove il potenziale di risparmio energetico è maggiore. Il mercato aperto per le piccole imprese rappresenta 50 miliardi di euro con un enorme potenziale per la creazione di posti di lavoro locali che non possono essere delocalizzati. In Francia, Portogallo, Estonia, e Italia, le politiche si sforzano di affrontare la questione di un drastico miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici. Una vasta gamma di soggetti interessati sono coinvolti nel processo di costruzione dal proprietario fino agli operai, quindi, una nuova consapevolezza sulla questione sarebbe di beneficio per tutti.

Di conseguenza, il settore delle costruzioni sta richiedendo nuove competenze per affrontare questo tema del rinnovamento degli edifici esistenti e di nuova costruzione. Le professioni dell’edilizia devono ora impegnarsi nel processo di sostenibilità. Tutti i mestieri saranno fortemente influenzati e si confronteranno con le modifiche organizzative e strutturali necessarie, quindi un nuovo modo di pensare, con nuovi comportamenti professionali, e la necessità di sviluppare un approccio sistemico "verde" nell’edilizia. Questa nuova sfida da affrontare nel settore edile avrà un forte impatto anche nei centri di formazione e nella loro capacità di adattarsi e ridefinire la loro offerta in linea con le nuove competenze richieste dal commercio e individuare le competenze verdi e quelle competenze ancora da rendere “verdi”. I curricula professionali han bisogno di essere adattati e gli enti di formazione hanno bisogno di nuovi strumenti per affrontare questa sfida.

GEEE si adopererà per affrontare questo particolare tema attraverso la collaborazione di reti di formazione, rappresentanti del settore edile e dell'istruzione superiore, analizzando le politiche dei quattro paesi (Francia, Portogallo, Italia, Estonia) e facendo una mappatura delle nuove competenze verdi e più verdi richieste. Da questo produrremo e testeremo un innovativo programma di formazione trasversale per la formazione iniziale e permanente. Promuoveremo il nostro approccio e aumenteremo la consapevolezza delle parti interessate su questo tema attraverso un approccio unico guidato dagli eventi.

per ulteriori informazioni www.gee.eu

 
© 2009 Associazione Net • e-mail: info@associazionenet.it •  Note legali